In Italia sempre più verso le energie rinnovabili

pala eolica che gira con cielo in sfondo

In Italia sempre più verso le energie rinnovabili

Nel 2030 in Italia il 90% le energie saranno solo rinnovabili

Un paese più rinnovabile

Entro il 2030 in Italia grazie alle fonti rinnovabili, saremo in grado di fornire il 90% di energia alle nostre abitazioni evitando fonti di carbone ormai spazzate via.

Ecco i tipi di energia rinnovabile in uso maggiormente nel nostro paese:

  • Energia Solare: grazie all’installazione di pannelli fotovoltaici si potrà generare energia “pulita”.  Sarai in grado, mediante alla giusta metratura di pannelli, di sopperire a pieno tutte l’energia di cui necessiti. E quella che produci in più? Nessun problema, potrai immetterla direttamente in rete quindi a beneficio di altre utenze
  • Energia eolica: subito dietro all’energia solare in termini di produzione. Questo tipo di energia viene generata direttamente da pale eoliche situate in postazioni strategiche
  • Energia idroelettrica: generata grazie al flusso di acque, questa fonte di energia andrà via via crescendo in quanto in Italia abbiamo una ricco elenco di fiumi e fonti d’acqua
  • Energia Geotermica: è l’energia generata per mezzo di fonti geologiche che posseggono elevata temperatura ed è considerata una forma di energia rinnovabile.

Nel panorama europeo, il nostro paese accompagnato dalla Spagna sta accelerando verso una direzione ecosostenibile grazie alle elevate risorse eoliche, solari ed idroelettriche.

Si prospettano davanti a noi anni di cambiamento in favore delle rinnovabili, basti pensare al mondo dell’automotive, con le nuove auto elettriche.

 

 

 

Bene alla Terra ma anche al portafoglio?

Sì proprio così, il costo di realizzazione di impianti e il prezzo dell’energia rinnovabile è nettamente inferiore in confronto a quella prodotta dal carbone. Negli anni a venire la parte del leone la farà il fotovoltaico cui spetterà il primato di prima energia rinnovabile subito seguita dall’eolica e dall’idroelettrico. La fonte più penalizzata sarà il carbone che nel 2050 avrà solamente il 5% di capacità installata  di cui il 44% in Cina e per il 90% nei Paesi in via di sviluppo, mentre in quelli più avanzati si ridurrà sempre di più.

 

Per aggiornamenti su questo argomento invitiamo i nostri lettori a seguirci sulla nostra pagina facebook e sul nostro blog.